Partita-IVA

Partita-IVA

Tutte le prestazioni che si configurano come “professionali” vanno fatturate con partita iva.

Le prestazioni che presuppongono l’iscrizione all’albo (somministrazione di test, colloqui psicologici, ecc) si configurano come “professionali”, pertanto secondo le previsioni della nota “Legge Biagi” non possono mai essere considerate come occasionali (nemmeno nel caso di un singolo colloquio). 

Del resto, la “ritrosia” ad aprire la Partita Iva che spesso hanno i giovani psicologi, è infondata: non solo è obbligatoria per operare come psicologo, ma permette comunque significativi vantaggi di tipo fiscale (e in seguito previdenziale) rispetto alla Prestazione Occasionale, soprattutto nei regimi agevolati (ad es., Regime dei Minimi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *